Cenni storici

 

 

 

Alcuni dati

 

 

 

Località mineralogiche

 

 

San Rocco

 

 

 

 

 

 

 

 

Frazione Masserini

 

 

 

 

 

 

 

 

Località Platz

 

 

 

 

 

 

 

 

CENNI STORICI

Non è facile ricostruire le origini più lontane di Gazzaniga.

La zona è

Si pensa, da una serie di ricostruzioni e di ritrovamenti, che vi fossero, almeno nella zona, insediamenti umani già nel Paleolitico.

  stata certamente ricca di vegetazione e di fauna in un periodo successivo, nei periodi cosiddetti interglaciali, e ciò è dimostrato da numerosi reperti ritrovati nelle vicinanze

Dall’epoca del bronzo, invece, è certa la presenza di insediamenti umani nei diversi periodi storici succedutisi, testimoniata da numerosi reperti ritrovati nel perimetro comunale e descritti analiticamente nella Carta Archeologica della provincia di Bergamo (1992).

Durante il  secondo secolo a. C., all’epoca dell’arrivo dei Romani nelle valli bergamasche, a Gazzaniga esisteva quasi certamente un nucleo abitato. Essi insediarono un presidio militare nella zona, per le sue condizioni strategiche (dall’altopiano di Casnigo si poteva dominare un ampia area sottostante) e per la fertilità dei terreni, già dissodati dalle popolazioni locali.

Nel Medioevo il Paese si sviluppò ulteriormente.

Nel tredicesimo secolo d. C. faceva parte della Confederazione “de Honio”, che raggruppava i comuni di Fiorano, Semonte, Vertova, Colzate, Bondo, Barbata, Rova e Gazzaniga.

Questa confederazione di diverse “vicinie” garantiva loro la più ampia autonomia ed aveva una unica struttura amministrativa denominata “Conzilium de Honio”con sede a Vertova, in località “Unì”, nei pressi di Bondo.

Vertova era anche sede dell’amministratore vescovile o feudatario, incaricato di mantenere vivi i numerosi diritti che il vescovo di Bergamo vantava su quelle comunità.

Gazzaniga, Vertova ed i villaggi circostanti subirono, come sostenitori della parte “Ghibellina”, le conseguenze dei cruenti scontri con i “Guelfi”.    

La parte più fiorente dello sviluppo artigianale e del commercio  e i primi insediamenti di attività tessili si ebbero durante le dominazioni milanese e veneta, successive al periodo dei liberi comuni.

Gazzaniga arrivò a rivaleggiare con la più sviluppata Gandino.

Le attività tessili, in particolare, si consolidarono nei secoli successivi fino ai giorni nostri, garantendo uno sviluppo economico più che dignitoso.

Oggi questo settore produttivo comincia dare segnali di crisi e si stanno cercando direttrici di sviluppo in  altre attività del terziario.

Il territorio è fortemente antropizzato e, in alcune parti, degradato dal punto di vista ambientale.

Le zone vicine al paese sono però ancora molto belle ed integre e sembra stia crescendo una nuova mentalità, più attenta alla salvaguardia di un patrimonio ambientale che merita di essere preservato.

 

 

 

 

Blog

 

 

 

Home Page

 

 

 

Il collezionista

 

 

 

Il territorio

 

 

 

La collezione

 

 

 

Minerali di Bergamo

 

 

 

Quarzi a scettro

 

 

 

Minerali da scambio

 

 

 

Link